4° Tour du Grand Paradis ridotto dal maltempo. Vittorie per Lanfranchi-Pedrini e Mirò-Dusautoir

Di GIANCARLO COSTA ,

01 La partenza
01 La partenza

Nella quarta edizione del Tour du Grand Paradis vittoria su percorso ridotto per i lombardi Daniele Pedrini (SC Alta Valtellina) e Pietro Lanfranchi (SC Valgandino), al femminile trionfo per il duo spagnolo-andorrano Mireia Mirò e Sophie Dusautoir. Nel Campionato Italiano Top Class lunga distanza medaglia d'oro per Pedrini-Lanfranchi e per le donne salgono sul gradino più alto del podio la valdostana Corinne Clos e la valtellinese Silvia Rocca.

Partecipazione record domenica mattina in Valsavarenche per la quarta edizione del Trofeo Tour du Paradis, Trofeo Renato Chabod di scialpinismo valevole come prova unica per l'assegnazione dei titoli di Campioni Italiani di lunga distanza. Al via ben 220 squadre in una giornata che all'inizio dal punto di vista meteo lasciava buone speranze per il regolare svolgimento della competizione. La situazione meteo è cambiata poi in maniera repentina, quando gli atleti avevano percorso circa un'ora di gara.


Al passaggio ai 2750 metri di quota del Rifugio Chabod erano transitati in prima posizione gli azzurri Damiano Lenzi e Lorenzo Holznecht, tallonati a pochi metri da Pietro Lanfranchi e da Daniele Pedrini. Alle spalle delle due squadre inseguivano il valdostano Alain Seletto e il francesce Didier Blanc. I favoriti della vigilia Manfred Reichegger e Dennis Brunod seguivano a pochi secondi dalle prime tre squadre.
Al femminile, subito in evidenza la squadra spagnola andorrana con l'astro nascente dello ski-alp al femminile Mireia Mirò (vincitrice in Coppa del Mondo a Pila) con l'esperta andorrana Sophie Dusautoir.


Dopo un'ora e mezza di gara, al passaggio a quota 3400 metri, i responsabili della sicurezza sono stati costretti, loro malgrado, a fermare anticipatamente la gara. Sul ghiacciaio, le raffiche di vento (oltre i 100 chilometri orari) e la temperatura a -15° non garantivano la sicurezza degli atleti. Classifica stilata al secondo punto di controllo con la vittoria e titolo tricolore del valtellinese Daniele Pedrini e del bergamasco Pietro Lanfranchi che subito dopo il passaggio al Rifugio Chabod avevano superato Damiano Lenzi e Lorenzo Holznecht, secondi al traguardo. Il terzo posto è conquistato da Alain Seletto e Didier Blanc; gli alpini Reichegger, Brunod chiudono quarti. In quinta posizione Graziano Boscacci e il campione del winter triathlon il lecchese Daniel Antonioli.
Nella classifica del Campionato Italiano senior medaglia d'argento per Damiano Lenzi e Lorenzo Holznecht, bronzo per Manfred Reichegger e Dennis Brunod. Tra i master, titolo italiano per Massimo Borettaz e Giuseppe Ouvrier, davanti ai lombardi Piffari-Cattaneo e a Migliorati-Trussardi.

Tra le donne trionfo del Tour du Grand Paradis, Trofeo Renato Chabod per Mireia Mirò e Sophie Dusautoir. Il secondo posto è di Corinne Clos e di Silvia Rocca a cui va il titolo italiano, mentre sono terze e argento tricolore Tatiana Locatelli (SC Cervino Valtournenche) e Christiane Nex (SC Corrado Gex). La medaglia di bronzo è per il duo piemontese Katia Tomatis e Raffaella Gianotti.

In allegato la classifica complet.

Comunicato Areaphoto.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti