Ettore Personettaz con la sua split-board

Ettore Personettaz con la sua split-board